TORNA ALLA HOME-PAGE





 
      chi siamo  |   contattaci
Città di misteri, miti, leggende e storia: BENEVENTO e....... i borghi più belli d'Italia: MONTESARCHIO e SANT'AGATA DE' GOTI

Appennino Campano
26 dicembre 2020 - 27 dicembre 2020

Descrizione

26/12/2020 – PARTENZA / MONTESARCHIO / SANT’AGATA DE’ GOTI / BENEVENTO
Appuntamento dei partecipanti alle ore 05:00 a MACERATA, a seguire altre località richieste. Incontro con il pullman e partenza alla volta del SANNIO. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo a MONTESARCHIO, incontro con la guida e visita. MONTESARCHIO, sorge su un colle, a 300 metri di altezza, alle pendici del Monte Taburno; nel 2016 è inserito tra i “Borghi più belli d’Italia”. Il borgo, ricco di storia e spiritualità, è dominato dall’alto dall’antica torre e dal castello di origine longobarda, testimonia l’importanza dell’antica città sannita di Caudium. Montesarchio fu feudo dei D’Angiò, dei Della Leonessa e dei D’Avalos; quando poi venne concesso a Ferdinando II di Borbone, la torre e il castello furono trasformati in prigioni di Stato, oggi ospita Il museo archeologico nazionale del Sannio. Un altro simbolo è la fontana dell’Ercole alexicacos, al centro di Piazza Umberto I, qui si affaccia la seicentesca chiesa dell’Annunziata, uno dei tanti edifici religiosi. Proseguimento per SANT’AGATA DE’ GOTI. Dal 2012 è entrata a far parte del “Borghi più belli d’Italia”, e appena la si conosce si capisce il perché. Difficile, sottrarsi alla magia, città-presepe i cui campanili e le cui cupole maiolicate dominano la bastionata di case e palazzi allineati su un ripiano strapiombante una cinquantina di metri, alla sinistra del fiume. Una fisionomia assunta nel medioevo, da una città che, per quanto erede della sannita Saticula e poi di un castrum romano, assunse la fisionomia attuale solo con i longobardi. Era infatti importante già nel 970, anno in cui fu fondato il Duomo e divenne sede vescovile. Poi con l'arrivo dei normanni nel 1066 sorsero gli edifici più rappresentativi, e furono poste le basi architettoniche all'impianto urbanistico medievale che connota l'affascinante fisionomia attuale del borgo. Splendida da ogni lato, Sant'Agata de' Goti offre però la vista più suggestiva dall'altissimo ponte Vittorio Emanuele che valica da ovest il vallone Martorano, e da cui si può ammirare il sistema di archi di costruzione che regge il borgo abbarbicato sul ciglio della rupe di tufo. Varcato il ponte, subito ci si trova di fronte agli imponenti resti del Castello. Trasferimento a BENEVENTO (o vicinanze),sistemazione in Hotel, cena e pernottamento.

27/12/2020 – BENEVENTO / RIENTRO
Prima colazione e pranzo in Hotel. Guida per intera giornata, dedicata alla visita di BENEVENTO, la città sul suolo campano, posizionata tra i fiumi Sabato e Calore, che forse più di tutte le altre si avvolge in un alone di mistero, vanta un cospicuo patrimonio storico-artistico e archeologico, frutto delle varie dominazioni ed affiliazioni susseguitesi nel corso della sua storia. Benevento, è conosciuta anche come la città delle streghe. Erano donne che praticavano rituali propiziatori legati alla cultura longobarda e si riunivano intorno ad un maestoso albero di noce sulle sponde del fiume Sabato. Il liquore Strega, prodotto con oltre 70 erbe e con una ricetta in parte segreta, è il ricordo più famoso fuori dai confini della città della storia e delle leggende delle streghe di Benevento. Una delle zone più belle è quella intorno al Conservatorio, dove i vicoli stretti e sghembi ricordano le atmosfere un po' spettrali della città delle streghe. Il simbolo della città è l’Arco Traiano, che si erge al centro, una struttura maestosa la cui costruzione fu iniziata nel 114 d.C. per celebrare l’apertura della via Traiana. Il Teatro Romano, fu costruito per volere di Adriano e successivamente ampliato da Caracalla. Della costruzione originaria, formata da 3 ordini di 25 arcate, oggi sono rimaste in piedi solo il primo ordine e buona parte del secondo. Un palazzo da non perdere è quello di Paolo V, che presenta una facciata stupenda. Sempre passeggiando per Benevento si incontra la Rocca dei Rettori, che è il risultato di costruzioni fatte in epoche diverse. Tra le cose da vedere a Benevento non possiamo dimenticare la Chiesa di Santa Sofia, presente anche nella lista del patrimonio Unesco. Questo edificio religioso è una delle costruzioni longobarde più singolari che esistano. Altra Chiesa importante è il Duomo intitolato a Santa Maria de Episcopio. Un luogo unico è l'Hortus Conclusus, un museo a cielo aperto che contiene le opere di Mimmo Paladino. Ultimate le visite, partenza per il rientro. Sosta per la cena libera.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE (Min. 30 Pax) € 220,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati – Trattamento di pensione completa dalla cena del primo giorno al pranzo del secondo – Guida per tutte le visite – Capogruppo.

LA QUOTA NON COMPRENDE: Le entrate nei luoghi di visita – Il pranzo del primo giorno e la cena del secondo - Tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”

SUPPLEMENTO CAMERA SINGOLA € 25,00

ASSICURAZIONE MEDICA, BAGAGLIO E COPERTURA COVID € 10,00



 







       newsletter
nome utente
password

       informazioni utili





       Ospitalità italiana
© 2008 C.M. viaggi S.r.l. Tutti i diritti riservati - Partita IVA 00661560433
IBAN IT67T0311113474000000005526 - UBI Banca S.p.A. - Filiale di Macerata
        note legali   |   policy   |